La maschera

dp - 02 novembre, 2020

Perché una persona dovrebbe atteggiarsi, apparire, fare cose, e cercare di essere diversa da quella che è? Forse non si piace abbastanza e ha visto qualcuno a cui assomigliare, o forse ha sperimentato che se si comporta in un determinato modo viene accolta e vista dagli altri, o forse ancora fin da piccola le hanno ripetuto allo sfinimento che così non va bene, che così non si fa, che bisogna comportarsi diversamente altrimenti gli altri chissà che cosa dicono, Giudizio dopo giudizio ci si modifica. Ascoltare i giudizi degli altri significa vivere la vita che vogliono gli altri. "Ognuno di noi quando nasce è un Sole, poi a furia di sentirci dire "questo non si dice!", "questo non si fa!", "devi essere cosi!", "devi comportarti bene!" e tante altre espressioni, arriviamo intorno ai vent'anni che siamo grandi come un pixel, e poi passiamo tutta la vita per cercare di ritornare a essere un Sole." La Maschera, è tutto questo, modificarsi per diventare altro e perdere la propria autenticità. Si diventa una copia. Si diventa qualcos'altro, una persona che fa e dice altre cose rispetto a quelle che pensa e vorrebbe fare realmente, E' come raccontarsi e raccontare una bugia. Quando si indossa la maschera e lei che parla e agisce per te, quindi vivi la sua storia, non la tua e anche le relazioni che instaura con gli altri sono basate su qualcosa di inventato. La maschera, si può indossare qualche volta, per fare "buon viso a cattivo gioco", in situazioni dove anche la diplomazia non ce la fa, poi però va tolta per ritornare a se stessi. La maschera fa male, fa tanto male. Prima si avverte quel malessere di insoddisfazione, non c'é più niente che dia felicità. Quando si perde il contatto con il se, si entra in confusione. Alle domande: "che cosa vuoi dalla vita? che cosa ti piace fare?" la risposta che sento sempre più spesso é: "non lo so più". Se si prosegue sul cammino della maschera arriva anche il dolore, inizia a fare male il corpo. Cervicalgia, nausea, reflusso gastrico, dolori alla schiena, dolori muscolari, dolori ossei diffusi, gonfiore addominale, tensioni agli arti, insonnia tanta fatica e tanta stanchezza, nonché abbassamento delle difese immunitarie, sono alcuni dei disturbi più frequenti. Il tuo corpo sei tu. Con la tua indole, il tuo carattere, i tuoi spigoli, le tue sfumature non devi modificarti per nessuno, soprattutto non devi modificarti per elemosinare un pò di amore da qualcuno che ti vuole diversa/o e non ti accetta semplicemente come sei. Ogni giorno chiediti, cosa posso fare per me, per stare bene, che cosa mi piace, di che cosa ho bisogno in questo momento. Scoprirai che tu sei tutto, che hai tutto, e che puoi vivere questa vita con le tue risorse e ricordati sempre che vai bene così come sei. Tu sei.